NEWS ED EVENTI

NEWS

Torino, 1 marzo 2017

IPLA SPA all’avanguardia per la trasparenza e la quantità di dati pubblicati e resi disponibili alla consultazione


Come ogni anno IPLA SpA (Istituto per le Piante da Legno e l'Ambiente) ha proceduto all'aggiornamento e alla pubblicazione di tutti i dati richiesti dalla normativa sulla trasparenza e contro la corruzione, consultabili liberamente sul sito istituzionale dell’Azienda www.ipla.org.

Ad oggi tra le altre informazioni sono on-line nella sezione "Società trasparente": la nuova versione del "Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza 2016-2018"; il "Codice di comportamento dei dipendenti"; le relazioni del "Responsabile della corruzione" e quella dell'Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) in merito alla completezza dei dati resi disponibili; le modalità per effettuare l’accesso civico con indicazione del responsabile e l'email dedicata; i compensi annuali e rimborsi mensili dell’Amministratore Unico; le spese di rappresentanza dell'Azienda; la dichiarazione dello stato patrimoniale e dei redditi dell'A.U. e di tutti i parenti fino al secondo grado; i compensi del Direttore f.f. (non ci sono dirigenti); il costo del personale e i tassi di assenza del personale dal 2014 ad oggi suddiviso per trimestri; i contratti collettivi e l'integrativo aziendale; la tabella dei consulenti e collaboratori dal 2014 ad oggi con nome, importo, durata, oggetto e curriculum dell'assegnatario; le delibere di affidamento degli incarichi e degli acquisti; i bandi di gara attivi e la tabella riassuntiva degli affidamenti passati con cifre, periodi e aziende partecipanti e vincitrici; gli atti di concessione dell'Istituto su mandato regionale nell’ambito della valorizzazione del patrimonio tartufigeno; i bilanci annuali integrali dal 2008 ad oggi con le relazioni annuali e semestrali sull'andamento aziendale.

Dichiarazione dell’Amministratore Unico, Igor Boni:
"Dal luglio 2014, quando ho iniziato questo incarico, ho dedicato molta attenzione ai temi legati alla normativa sulla trasparenza. Le società partecipate, che per molti versi con ragione sono state additate come uno dei punti dolenti dell'Amministrazione pubblica, devono dimostrare che è possibile operare nel massimo della trasparenza e della correttezza, fornendo ai cittadini tutte le informazioni sull'andamento dell'Azienda e sulle modalità di gestione del denaro pubblico. Ciò è utile anche per evitare di fare generalizzazioni con il rischio di buttare tutto al macero. Noi vogliamo fare la nostra parte in questo senso, ponendo una attenzione sempre maggiore al rispetto rigoroso delle norme, anche se, occorre dirlo, non si può non rilevare una difficoltà nell’ottemperare a obblighi che cambiano e si modificano assai di frequente e rendono sempre più gravosa questa incombenza in termini di tempo e di denaro da investire".

NEWS

Torino, 7 febbraio 2017

Selezione per la figura professionale di esperto in sicurezza nei cantieri forestali e comunicazione tecnica e per la figura professionale di esperto in programmazione informatica e comunicazione tecnica


Avviso: l’Istituto per le Piante da Legno e l'Ambiente intende effettuare una selezione per l'affidamento di incarico professionale ad un esperto in sicurezza nei cantieri forestali e comunicazione tecnica e ad un esperto in programmazione informatica e comunicazione tecnica.

Alla pagina Società Trasparente - Bandi di gara e contratti sono disponibili gli avvisi di selezione.

Termine per la presentazione dei curricula: ore 12.00 del 24 febbraio 2017. Si ricorda che NON fa fede il timbro postale.

NEWS

Torino, 2 novembre 2016

Escursione tecnica 8 Novembre 2016: "Esperienze di pianificazione e gestione della vegetazione golenale sulla Dora Riparia"

Il Consorzio Forestale Alta Valle di Susa (http://www.cfavs.it/it/), IPLA (http://www.ipla.org/) e la sezione Nord-­Ovest dell'associazione Pro Silva Italia (http://www.prosilva.it/) organizzano un'escursione tecnica sul tema "Esperienze di pianificazione e gestione della vegetazione golenale sulla Dora Riparia".

Referente per l'attività: Andrea Ebone (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), Alberto Dotta (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Iscrizioni: Roberta Berretti (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -­ 3287196166) 

Per motivi logistici si prega di far pervenire l'adesione e-­mail entro giovedì 3 Novembre. 

Per maggiori informazioni fare clic QUI

NEWS

Torino, 05 ottobre 2016

Laboratori IPLA alla "Notte Europea dei Ricercatori"
(Torino - 30 settembre 2016)

Il Laboratorio Entomologico ha presentato ai visitatori le principali attività dei progetti di sorveglianza, monitoraggio e lotta alle zanzare attivi in Regione Piemonte. Sono stati illustrati ai visitatori il ciclo biologico delle zanzare (tramite un insettario con larve, pupe e zanzare adulte) e le principali specie di zanzare (tramite campioni, raccolti in teche trasparenti). A commento dei metodi di lotta, sono stati esposti un acquario con pesci larvivori, nonché i principali prodotti larvicidi e adulticidi.
In quest’occasione è stato distribuito del materiale divulgativo e, ai più piccoli, un kit "del giovane cacciatore di zanzare" (composto da semplice ma efficace materiale per la ricerca e lo studio delle larve di zanzara).

Il Laboratorio Pedologico ha presentato una collezione di cartografie ed esposizione di profili di suolo a testimonianza dello stretto collegamento fra cibo e terra. Si è data inoltre la possibilità di manipolare la terra in modo da imparare a riconoscere i diversi tipi che danno origine a diversi prodotti. Sono stati portati ad esempio quattro suoli tipici piemontesi: una terra da vino (Langhe), una terra da tartufo (Astigiano), una terra da alpeggio (valle di Lanzo), una terra da riso (Vercellese).
Si è anche dato modo ai visitatori di esplorare il territorio regionale e riconoscere a livello geografico locale i tipi di terra, illustrati dalle diverse cartografie pedologiche, mediante l'Atlante dei Suoli del Piemonte.

Questa manifestazione è stata anche una buona occasione per distribuire gratuitamente alcune pubblicazioni ideate da Regione Piemonte in stretta collaborazione con IPLA, tra cui ad esempio la collana delle cinque guide selvicolturali edita nel 2016, scaricabile dal sito della Regione, (http://www.regione.piemonte.it/foreste/it/817-le-nuove-guide-selvicolturali-e-gli-atti-dell-incontro-di-presentazione.html), le cartografie della rete sentieristica regionale, i video divulgativi sulla lotta alle zanzare ed altre tematiche ambientali.
All’esposizione di questo ed altro materiale documentale si sono affiancati i posters illustranti i progetti che hanno segnato importanti tappe della politica forestale, naturalistica e ambientale che la Regione Piemonte ha perseguito e realizzato anche tramite il contributo di IPLA.

NEWS

Torino, 26 settembre 2016

Corso di formazione per il riconoscimento degli ortotteri (secondo livello)

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso e IPLA organizzano un CORSO DI FORMAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORTOTTERI (secondo livello).
Il corso è rivolto a biologi, naturalisti o appassionati con basi di zoologia ed entomologia. L'obiettivo del corso è formare nuovi soggetti in grado di partecipare all'attività di determinazione di materiale entomologico appartenente al gruppo degli Ortotteri.
Il corso si svolgerà, dal 3 al 7 Ottobre 2016, all’interno del Parco Nazionale Gran Paradiso presso l’Ostello “La Cascata”, Frazione Gere Sopra,1 Noasca (TO).

Per maggiori informazioni fare clic QUI

NEWS

Torino, 16 febbraio 2015

E' disponibile nella sezione amministrazione trasparente del sito l'avviso relativo alla vendita di un lotto boschivo presso la sede IPLA (TO)
Per consultare l'avviso fare clic QUI

NEWS

Torino, 15 dicembre 2015

Suolo, impatto antropico e sostenibilità ambientale

loghi IYSWSDIn occasione del World Soil Day 2015, IPLA, in collaborazione con la Regione Piemonte e la Federazione Interregionale degli Ordini dei Dottori Agronomi e Forestali del Piemonte e Valle d’Aosta, ha organizzato una giornata dedicata alla gestione sostenibile dei suoli.

il tema della giornata ha riguardato l’importanza del suolo per il futuro del pianeta è evidenziata dalla dichiarazione, da parte delle Nazioni Unite, dell’Anno Mondiale del Suolo 2015, intesa come piattaforma per accrescere la consapevolezza del ruolo cruciale del suolo nella sicurezza alimentare e nelle funzioni ecosistemiche essenziali.

Numerosi sono stati i partecipanti sia nella sessione mattutina sia durante lo svolgimento della tavola rotonda del pomeriggio. Per chi non ha potuto partecipare o seguire la diretta streaming, qui di seguito può trovare le presentazioni dei realtori della sessione mattutina. Appena sarà possibile, pubblicheremo anche i video dell'intera giornata.

Presentazioni dei relatori

EVENTO

Torino, 4 dicembre 2015

Suolo, impatto antropico e sostenibilità ambientale

loghi IYSWSDIn occasione del World Soil Day 2015, IPLA, in collaborazione con la Regione Piemonte e la Federazione Interregionale degli Ordini dei Dottori Agronomi e Forestali del Piemonte e Valle d’Aosta, organizza una giornata dedicata alla gestione sostenibile dei suoli.

L’importanza del suolo per il futuro del pianeta è evidenziata dalla dichiarazione, da parte delle Nazioni Unite, dell’Anno Mondiale del Suolo 2015, intesa come piattaforma per accrescere la consapevolezza del ruolo cruciale del suolo nella sicurezza alimentare e nelle funzioni ecosistemiche essenziali.

La giornata sarà articolata in una prima parte con relazioni su temi generali e una seconda parte con una tavola rotonda dal titolo ”Suolo, impatto antropico e sostenibilità ambientale”. Sarà l’occasione per un approfondimento su temi di sostenibilità delle attività antropiche esercitate sui suoli del Piemonte, e più in generale in ambito europeo e nazionale.

La giornata si svolgerà il 4 dicembre presso sede IPLA, in corso Casale 476 - Torino

La partecipazione alla giornata è gratutita, previa iscrizione online QUI. I posti sono limitati a 50 partecipanti. 

Programma completo QUI

 

EVENTO

Torino, 14 aprile 2015

Martedì 14 aprile all’IPLA la scuola elementare Gaspare Gozzi di Torino adotta un bosco.
I giovani allievi pianteranno più di 100 alberi

Martedì 14 aprile, a partire dalle ore 9:45 presso la tenuta dell’IPLA (Istituto per le Piante da Legno e l’Ambiente) in C.so Casale 476 a Torino si terrà una iniziativa denominata “Adotta un bosco” nella quale la Scuola elementare di Torino Gaspare Gozzi, con una classe III, parteciperà alla giornata dimostrativa piantando più di 100 giovani alberi per costituire un nuovo bosco di latifoglie del nostro territorio (provenienti dai vivai regionali) che, anno dopo anno, sarà visitato dai giovani allievi ai quali sarà anche chiesto di collaborare alla manutenzione. La giornata prevede anche la formazione dei giovani operatori sui principi dell’ecologia forestale e del riconoscimento delle principali specie piemontesi.

NEWS

Torino, 18 marzo 2015

Flavescenza dorata - Guida per il contenimento delle viti rinselvatichite

Il Consorzio per l'Asti D.O.C.G. ha finanziato la stesura di una guida pratica per il contenimento della Flavescenza dorata.
L'IPLA, in collaborazione con Regione Piemonte - Settore fitosanitario econ il CNR IPSP, ha quindi redatto una guida pratica per la gestione della vite rinselvatichita presente all'interno degli incolti e dei boschi limitrofi ai vigneti.
Gli obiettivi della guida, che si rivolge direttamente ai viticoltori, agli amministratori locali e ai tecnici, sono:

  • Individuare buone pratiche per la prevenzione della diffusione delle viti rinselvatichite e il loro contenimento
  • Fornire indicazioni gestionali per i boschi e le fasi di abbandono colturale limitrofe ai vigneti"

copertina guida_FDInfatti per contrastare la Flavescenza dorata sono stati definititi rigidi protocolli sanitari che rischiano tuttavia di essere vanificati a causa della diffusa presenza sul territorio di viti rinselvatichiterifugio e di serbatoio per l’insetto vettore. 
Tali viti sono spesso associate a incolti, mai sottoposti a trattamenti di contrasto, ma anche dif­fuse sui bordi dei boschi, lungo le strade o nell’interfaccia coltivi-edificati. Tuttavia i
 boschetti o gli abbandoni interclusi ai vigneti e gli alberi isolati costituiscono importanti elementi della rete ecologica, hanno un riconosciuto valore paesaggistico e sono luoghi di produzioni tartufigene. In questo quadro diviene fondamentale conoscere il comportamento delle viti rinselvatichite, quantificare e qualificare la tipologia di “incolti” o di luoghi di diffusione. Si tratta quindi di un problema gestionale che va affrontato a scala territoriale, coinvolgendo i diversi soggetti interessati.


Copia digitale della guida è disponibile QUI